Castello di Azzano

COMUNI dell'UMBRIA:

Edifici fortificati:

Il castello di Azzano, frazione del comune di Spoleto, anticamente era una villa sulla pianura del torrente Marroggia.1

Il piccolo nucleo abitativo fu cinto da mura tra la fine del XIV secolo e gli inizi del successivo, divenendo così un castello a pianta quadrangolare.2


Visualizzazione ingrandita della mappa
Il castello di Azzano ha un’unica porta d’ingresso, che ancora oggi mostra le asole per il ponte levatoio; i beccatelli per la difesa piombante; le bocche da fuoco per le bombarde, ricavate successivamente. La stessa torre da cui si accede al centro è oggi il campanile della vicina chiesa di San Lorenzo e Caterina.

L'abitato si sviluppa, durante i secoli XV e XVI, intorno alla piazza centrale. Le case presentavano le tipiche scale esterne in legno del periodo medievale, oggi trasformate in pietra. Si affaccia sulla piazza anche ciò che resta del forno pubblico e quella che oggi è il retro della chiesa di San Lorenzo e Caterina, ma che un tempo doveva essere stata la facciata principale.

Non lontano dal castello di Azzano, si possono visitare: la chiese di San Lorenzo, possedimento del monastero di Bovara fin dal 1178, affrescata all'interno da Jacopo Zabolini (anno 1488); la chiesa romanica della Madonna del Soccorso, con arredo interno risalente al XVII secolo; molino della Torre d'Azzano.
  • 1. Il più antico documento, che attesta l'egemonia spoletina su Azzano risale al 1213. Si tratta della donazione della suddetta villa a Spoleto, da parte del duca Diepoldo di Vohburg. Cfr. http://www.itinerari.regioneumbria.eu. Sito visitato il mese di ottobre 2012.
  • 2. Sebbene già munita della cinta difensiva, nel 1440, per decreto del comune di Spoleto e a causa delle continue insurrezioni contro la città più grande, fu "declassata" a villa (le mura non furono però completamente abbattute). Cfr. http://www.itinerari.regioneumbria.eu. Sito visitato il mese di ottobre 2012.
localizzazione:
Valutazione:
No votes yet